Questo sito utilizza i cookie , clicca su +Info per saperne di più
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Cardeto

Santuario Maria Assunta di Mallamace
 
L’insediamento di Cardeto (Carditum o Cardito), già popolato nei secoli X e XI, è situato sulla sponda della fiumara Sant’agata. Qui la pratica del culto greco ortodosso è attestata fino alla prima metà del 1700 mentre nel 1563 il paese venne dato alle fiamme per ordine dell’Inquisitore spagnolo Pietro Penza perché sospettato di nascondere eretici.

Nonostante i terremoti del 1783 e del 1908 che, assieme all'alluvione del 1951 provocarono ingenti danni, Cardeto è attualmente abitata e conserva gli uffici amministrativi. L'economia attuale si fonda prevalentemente sull'agricoltura e sull'allevamento, si producono salumi e formaggi molto apprezzati in tutto il territorio circostante. Particolarmente apprezzata è la capra alla cardola cucinata per oltre 25 ore nella terracotta con il fuoco di una candela.

Di particolare importanza sono: la Chiesa del Santo Patrono San Sebastiano del XVII Secolo eretta fuori dal centro abitato; la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo del 1959 in origine dedicata ai Santi Cosma e Damiano; l'abbazia di S. Nicola di Focolica, anch'essa posta fuori del paese; il Santuario di S Maria Assunta di Mallamace a circa tre Kilometri dal borgo, un monastero costruito dagli eremiti di S. Maria di Trapezomata e poi passato al culto ordinario.

Sono ancora operante le Confraternite di San Sebastiano fondata nel 1896 e la dell’Addolorata fondata nel 1942,sono scomparse invece le Confraternite della SS Trinità, del SS Sacramento, del Rosario e del Carmine fondate del 1770, così come le Confraternite del Monte dei Morti o del SS Crocefisso fondate nel 1787.
Sono da segnalare la festa di San Sebastiano Santo protettore del paese il 20 gennaio e la tradizionale sagra della Castagna l'ultima settimana di Ottobre.



Sito istituzionale: 
Comune di Cardeto






Mappa dei beni culturali dell'area


Beni architettonici
Beni antropologici immateriali
Musei
Siti archeologici
Lingua
Beni naturalistici

Per non affollare la mappa, e aiutarti nella navigazione sul sito, abbiamo deciso di geolocalizzare con coordinate approssimative i beni antropologici immateriali che hanno luogo nello stesso borgo