Questo sito utilizza i cookie , clicca su +Info per saperne di più
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Montebello Jonico
Foto Nadia Lucisano

L’insediamento di Montebello Jonico, sito a 435 metri sopra il livello del mare, ha un impianto evidentemente medioevale. Al suo territorio appartengono le frazioni di Fossato Ionico e Saline Joniche. L'economia oggi è principalmente basata sull’agricoltura con la coltivazione di olive e frutteti.

Caratteristico è il paesaggio post-industriale conferito dagli insediamenti dell’ex Liquichimica Biosintesi di Saline Joniche realizzati negli anni ’70 e per fortuna mai entrati in funzione.

Il territorio di Montebello Jonico è ricco di bellezze naturalistiche e di Chiese. Particolarmente interessanti sono la chiesa di San Leonardo; i ruderi della Chiesa di S. Maria extra moenia; il palazzo baronale situato in piazza Mazzacuva; la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano di recente costruzione; la cappella dei Santi Pietro e Paolo; le rovine del castello baronale dove ora sorge il Cimitero; la Chiesa del SS. Salvatore; il Santuario dell'Annunciazione; la Chiesa Arcipretale Protopapale dedicata a Maria Santissima presentata al Tempio patrona di Montebello Jonico che conserva una statua marmorea che raffigura la Madonna col Bambino risalente alla scuola Toscana e attribuita al Gagini. Nella stessa Chiesa sono presenti un dipinto del 1600 e due antichissime acquasantiere in marmo.
Foto Nadia Lucisano

E ancora il Palazzo Piromallo restaurato nel 1892; la Chiesa parrocchiale dedicata alla Beata Vergine del Buon Consiglio eletta parrocchia nel 1728 ed elevata nel 1772 a Dittereale (cioè Chiesa succursale della Cattolica dei Greci) che conserva il Sacro Quadro di autore ignoto di Scuola Gagginesca napoletana; i ruderi del Monastero Bizantino di San Giovanni e l’affresco di S. Anastasia tra i ruderi dell’edicola basiliana di Sant’Anastasio.

Tra le bellezze naturalistiche vanno segnalate le rocche di Prastarà; le grotte della Lamia che rappresenta una delle grotte più grandi scoperte nella provincia di Reggio Calabria e un caratteristico mulino antico.

Tra le tradizioni religiose: il rito della Dormizione di Maria il 14 Agosto; la festa di S. Maria dell’Annunciazione il 24 e 25 Marzo con la processione e la Discesa dell'icona dell’Annunziata; la storica fiera di Santa Filomena il 27 agosto e la festa della patronale di Maria Santissima presentata al Tempio il 21 Novembre con la Messa in rito Bizantino.



Sito istituzionale: 
Comune di Montebello Jonico






Mappa dei beni culturali dell'area


Beni architettonici
Beni antropologici immateriali
Musei
Siti archeologici
Lingua
Beni naturalistici

Per non affollare la mappa, e aiutarti nella navigazione sul sito, abbiamo deciso di geolocalizzare con coordinate approssimative i beni antropologici immateriali che hanno luogo nello stesso borgo