Questo sito utilizza i cookie , clicca su +Info per saperne di più
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Roccaforte del Greco
Foto Nadia Lucisano

L’insediamento di Roccaforte del Greco (Vunì in grecanico) è posto a 971 metri sul livello del mare probabilmente come difesa dalle incursioni delle popolazioni barbare. Ancora fortemente popolato fino alla prima metà del 1900, Roccaforte del Greco ha subito un intenso e graduale spopolamento. L'economia attuale è prevalentemente pastorale.

La sua storia, di evidenti origini Magnogreche, è fortemente legata alla fase Bizantina e di seguito a quella Angioina.
Durante l'epoca bizantina sorsero numerosi monasteri e Abazie.Tra le Abazie una porta il nome dell’Aghia Triadas, cioè della SS Trinità, con culto greco ortodosso, per poi diventare Chiesa di San Rocco Santo Protettore di Roccaforte del Greco quando venne introdotto il rito Latino.

Nel 1807, con la legge francese, divenne Università nel governo di Bova per poi ricevere l’autonomia amministrativa nel1811 con decreto istitutivo dei comuni. Fino al 1864 è menzionato semplicemente come Roccaforte per diventare in seguito Roccaforte del Greco perché paese di lingua greca.

Frazione di Roccaforte del Greco è Ghorio, che dista a poco meno di un kilometro e sorge a 715 metri sul livello del mare, attualmente abitata da poche decine di abitanti.

Di particolare interesse sono ad Agosto la festa di San Rocco e della Madonna dell’Assunta a Chorio con il caratteristico ballo dei Santi che fa da cornice alle precedenti processioni svoltasi in assoluto rigore religioso.


Sito istituzionale: 
Comune di Roccaforte del Greco

 






Mappa dei beni culturali dell'area


Beni architettonici
Beni antropologici immateriali
Musei
Siti archeologici
Lingua
Beni naturalistici

Per non affollare la mappa, e aiutarti nella navigazione sul sito, abbiamo deciso di geolocalizzare con coordinate approssimative i beni antropologici immateriali che hanno luogo nello stesso borgo